Seleziona una pagina

Può essere che tu sia già pronta per la prova costume.

Non è così? Tranquilla, ben poche lo sono.

Di solito ti trovi in due situazioni:

  • Diventi migliore amica del personal trainer ed esci a cena con la nutrizionista. 
  • Oppure ti metti alla ricerca della soluzione last-minute con prodotti “miracolosi”, sapendo che ti deluderanno.

 

Altrimenti puoi fare come Manuela che ha curato il gonfiore senza patire tutto questo.

In che modo?

Sta facendo un percorso di riflessologia plantare abbinata al massaggio e ha già perso due taglie in tre settimane (quindi sei in tempo anche tu!).

Aspetta, cosa caspita è la Riflessologia Plantare? Non ti preoccupare te lo spiegherò più avanti.

Se vuoi sapere perché ti senti gonfio e come ottenere lo stesso risultato di Manuela, continua a leggere.

 

LE CAUSE DEL GONFIORE

 

Per curare il gonfiore è fondamentale caprine la causa.

Non tutti i gonfiori sono uguali, cambiano in base alla zona del nostro corpo dove sono localizzati.

Questo é importante perché a seconda di dove percepiamo il fastidio la causa che lo genera è diversa.

È davvero necessario capire l’origine del problema per risolverlo?

Assolutamente sì.

Eliminare il gonfiore è importante, ma non basta.

Per risolverlo definitivamente bisogna agire alla base.

 

Veniamo alla spiegazione che ti ho promesso.

La RIFLESSOLOGIA PLANTARE è una tecnica olistica (approccio al corpo ispirato alla medicina cinese) che  permette di comprendere l’organismo tramite il massaggio al piede.

Dopo questa prima fase (detta anamnesi), essa agisce direttamente sul corpo grazie ai punti riflessi del piede, collegati ai nostri organi.

Massaggiando le zone riflesse si lavora direttamente su questi ultimi, generando benefici concreti per l’organismo.

A questo punto potresti essere un pò scettica.

In effetti prima di provare questo metodo quasi tutti lo sono, ma dopo averlo fatto le cose cambiano incredibilmente.

 

Manuela ne é l’esempio, scoprirai la sua storia tra poco.

 

Analizziamo ora le zone più diffuse del gonfiore e i benefici che possiamo raggiungere.

 

TIPOLOGIE DI GONFIORE

 

Tu che gonfiore sei?

 

GONFIORE ADDOMINALE: STOMACO O INTESTINO

 

Questa particolare tipologia di gonfiore è una sensazione piuttosto comune di TENSIONE a livello dell’addome.

Sembra di avere un mattone sulla pancia, vero?

Questo è un campanello d’allarme per disturbi legati alle abitudini alimentari che portano meteorismo, crampi  e stitichezza.

E’ importante però, distinguere tra le problematiche causate dall’INTESTINO o dallo STOMACO.

Spesso la sensazione non è ben definita e capirne l’origine è difficile.

Tramite la riflessologia si individua la causa e si agisce di conseguenza:

  • Se l’origine è nello stomaco vuol dire che il nostro organo non lavora bene e per questo è appesantito.
    Solitamente la causa è da ricollegare a un nervo molto importante quanto poco conosciuto: il nervo vago. Esso ha origine nel cranio, si collega alle cervicali e termina proprio nell’addome.
    Il lavoro della riflessologia è di eliminare le tensioni su questo nervo e allentare le contrazioni attraverso un massaggio localizzato.
    Così lo stomaco riprende il suo ritmo naturale e la sensazione di gonfiore sparisce.

 

  • Se l’origine è nell’intestino in genere la causa è la produzione di sostanze gassose. Molto spesso la pancia sembra piena ed è addirittura dura al tatto.
    Come prima, si tratta la parte del piede che riflette direttamente l’organo e si stimola l’addome con il massaggio.
    Così facendo si migliora la mobilità intestinale e si eliminano le scorie che causano il gonfiore. Un beneficio collaterale è il miglioramento della digestione.

 

GONFIORE ALLE GAMBE

 

Quando i nostri muscoli assorbono liquidi in eccesso si verifica un ristagno.

Le gambe sono solitamente la zone più colpita da questo problema perchè il muscolo è più grande e, a causa della forza di gravità, la circolazione è più difficoltosa.

Infatti, quando teniamo per molte ore la stessa posizione (lavorando seduti dietro alla scrivania o in piedi dietro un bancone) complichiamo il ricircolo.

Ed i nostri muscoli con il passare degli anni perdono tono e con esso la capacità di drenare i liquidi.

Il risultato è questo antipatico ristagno di liquidi, a volte visibile a occhio nudo.

È difficile eliminarlo senza un’azione specifica, perché i liquidi non spariscono nel nulla!

Debbono riassorbirsi, tornare in circolo nel corpo.

 

Fortunatamente si può sfruttare il ricircolo naturale a nostro favore grazie al massaggio.

Il ristagno viene smosso e pian piano i liquidi tornano ad assorbirsi sgonfiando il muscolo.

Il drenaggio (l’azione di stimolare il riassorbimento dei liquidi) è fondamentale allo stesso modo per uomini e donne dopo i 40 anni, ma va detto che gli ormoni femminili, dato il loro ruolo di vasodilatatori, causano una maggiore ritenzione idrica.

Come si agisce?

Grazie alla riflessologia si va a preparare il drenaggio dei tessuti, agendo sul piede.

Ma in questo caso il lavoro più grande viene fatto dalla tecnica manuale con la quale si stimola il riassorbimento dei liquidi.

Le gambe sembreranno subito più leggere perché il beneficio sul microcircolo è quasi immediato.

Spesso il massaggio ha anche un effetto molto diuretico.

 

QUANTO DURA UN PERCORSO

 

Lo so a cosa stai pensando.

È tutto molto bello, ma quante tempo mi ci vuole?

I risultati sono maggiori quanto più è ripetuto il lavoro sul corpo.

Solitamente già dopo la prima seduta si hanno piccoli benefici, ma il risultato maggiore viene raggiunto dopo un paio di settimane di trattamenti.

A quel punto potrai diminuire la frequenza e limitarti a qualche richiamo periodico.

È necessaria un po’ di costanza, ma potrai risolvere il problema una volta per tutte senza chiuderti in palestra o andare a cena senza il fiato sul collo della nutrizionista!

Scherzi a parte, attività fisica e alimentazione corretta sono molto importanti, ma senza lavorare sulle cause scatentanti del problema i benefici ottenuti con tanta fatica svaniranno in poco tempo.

Grazie alla riflessologia abbinata al massaggio moltissime donne hanno avuto risultati straordinari, ma purtroppo si tratta di una disciplina ancora poco conosciuta.

Se non sei ancora convinto di ciò che hai appena letto, lasciatelo dire da qualcuno che fino a pochi mesi fa era nella tua stessa situazione.

Manuela ha provato diversi metodi, ma solo con la riflessologia è riuscita dopo 3 settimane a perdere ben due taglie.

Se ti interessa ascoltare la sua storia lasciaci il tuo indirizzo email qui sotto, te la invieremo sulla tua casella di posta.

Come si dice, i fatti sono meglio di mille parole!

 

Sperando che questo articolo ti sia stato utile, scrivici se desideri ricevere altre informazioni o se vuoi fissare un appuntamento presso i nostri centri a Milano, Torino, Como e Monza.

 

Ci vediamo al prossimo articolo.

Antonio.

P.S. Se vuoi scoprire come ha fatto Manuela a perdere due taglie in 3 settimane senza nessuna fatica compila qua sotto!

Comments

comments